sabato 31 luglio 2010

Effetto Venezia Livorno - Salvador: Omaggio a Dalì


Livorno - Salvador! Omaggio a Dalì è lo spettacolo teatrale di Alberto Bona che, dopo aver riscontrato un buon successo a Londra e a Malta, sarà rappresentato in prima nazionale a Livorno, in occasione di Effetto Venezia.

A calcare il palcoscenico dell'Arena Picasso saranno tre attori che interpreteranno i ruoli di Dalì, di suo padre, di Gradiva, Buñuel e Picasso.

Alberto Bona, regista e attore dello spettacolo, si è diplomato alla Scuola di Teatro del City Literary Institute di Londra. Tra i suoi lavori “Opaco Silenzio Silenzioso”, premiato come Miglior Corto Internazionale al NYIIFVF.

Dove: Arena Picasso, piazza del Luogo Pio
Quando: Martedì 3 agosto, ore 22.05
Leggi tutto

giovedì 29 luglio 2010

Pisa Book Festival - Leopolda-Palazzo Congressi


Pisa Book Festival - Il 22 ottobre inizia l'ottava edizione della manifestazione dedicata all'editoria indipendente che quest'anno raddoppia le sedi, Stazione Leopolda e Palazzo dei Congressi, che saranno collegate con un trenino.

La prima ospiterà il Pisa Book Junior, la seconda Pisa Book Festival

In tutto saranno presenti 156 case editrici che contribuiranno a fare del Pisa Book Festival una vetrina d'eccezione per quei titoli che stanno ai margini, se non al di fuori, della grande distribuzione.

Nazione ospite all'ottava edizione del Pisa Book Festival è il Portogallo che sarà rappresentato dagli scrittori José Eduardo Agualusa, Valter Hugo Mae, Helder Macedo e Francisco José Viegas.

Il programma del Pisa Book Festival 2010 è ancora parziale.
Al momento pubblico gli interventi di presentazione di libri che si terranno al Palazzo dei Congressi.

Programma Pisa Book Festival 2010 - Presentazione Libri Palazzo dei Congressi

Venerdì 22 Ottobre 2010

Sala Blu - Ore 18
ArtEventBook - Nisi...Tibi Confiteor Domine. Passioni e Delitti della famiglia Nisticò
Intervengono: Pier Luigi Macchioni Gotti e Claudia Batoni

Sala Blu - Ore 19
Del Vecchio Editore - Io non ci volevo venire qui

Sabato 23 Ottobre 2010

Sala Blu - Ore 13
Stampa Alternativa / Nuovi equilibri - Il fioraio di Peron

Sala Blu - Ore 15
Associazione Vita Universale - Reincarnazione

Sala Blu - Ore 16
Historica Edizioni - Fiume pagano - Cento per cento

Sala Blu - Ore 16
Il Ciliegio - Nessuno doveva sapere, nessuno doveva sentire (Accabadora)

Sala Arancio - Ore 18
Falco Editore - Il libro dimenticato dalla scuola - confronto e relazioni nell'educazione, un progetto del Forteto

Sala Blu - Ore 18
BFS Edizioni - Le parole del Novecento

Domenica 24 Ottobre 2010

Sala Blu - Ore 11
Edizioni Saecula - "Il canto delle pietre"

Sala Arancio - Ore 11
Alacran Edizioni - Sir Arthur Conan Doyle - Autunno 1908

Sala Blu - Ore 15
A.Car Edizioni - Fantasmi e segreti al Castello di Sorci

Sala Arancio - Ore 15
Società Editrice Fiorentina - Quarto di secolo

Sala Blu - Ore 16
Intermezzi Editore - Il Paese Bello

Sala Blu - Ore 17
Giovane Holden Edizioni - Tutte le sfumature del noir tra cronaca e finzione

Sala Arancio - Ore 17
Romano Editore - Nei panni degli altri

Sala Blu - Ore 19
Edizioni Anordest - Edizioni Anordest

Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.pisabookfestival.com
Leggi tutto

mercoledì 28 luglio 2010

Lucca e l’Europa - Mostra Fondazione Ragghianti

Lucca e l'Europa. Un'idea di Medioevo (V-XI secolo) è la mostra a Lucca che si terrà presso la Fondazione Ragghianti in occasione del centenario della nascita del grande critico d'arte Carlo Ludovico Ragghianti.

Dal 25 settembre 2010 al 09 gennaio 2011, oltre cento opere realizzate tra il V e l'XI secolo saranno esposte in un allestimento articolato in undici sezioni, consentendo di esplorare la produzione artistica lucchese attraverso puntuali riferimenti al contesto europeo.
Un simile excursus è stato progettato tenendo in debito conto la lezione del Ragghianti, e ponendo perciò l'opera d'arte in relazione dinamica con i fenomeni circostanti secondo un metodo che prende in esame i materiali senza giudizi preconfezionati. La rassegna si avvale anche di recenti studi sulle tipologie decorative e sul loro retroterra intellettuale e culturale.

Le visite guidate sono effettuate su prenotazione a pagamento, mentre l'ingresso è gratuito.. non solo, ma con il biglietto della mostra Lucca e l'Europa è gratis anche l'ingresso al Museo Nazionale di Villa Guinigi, a pochi metri della Fondazione Ragghianti, che con la sua nutrita collezione di reperti, valorizzata da un recente nuovo allestimento che ha coinvolto tutta la sezione medievale del museo, rappresenta il proseguimento ideale della mostra.


Sezioni - Mostra Lucca e l'Europa - Fondazione Ragghianti

Lucca e l’Europa. Un’idea di Medioevo. V-XI secolo Apre la mostra una selezione di monete antiche, prosegue con la sezione dei preziosi manufatti in avorio, fra cui spiccano la pisside in avorio proveniente dal Museo Civico di Livorno, il Dittico del 480 commissionato dal console Basilio e il Dittico consolare di Aerobindo del VI secolo.

L’affermarsi della decorazione “astratta” con il simbolismo che talvolta le è connesso, trova piena affermazione nell’oreficeria, dagli ornamenti dell’abito civile alle decorazioni delle armi. Di questa produzione, riservata alle classi dominanti, si presentano a Lucca notevoli ed emblematici esempi del VII secolo quali, il frontale di elmo che reca inciso il nome del re longobardo Agilulfo del Museo del Bargello di Firenze, la fibula a disco proveniente dal Museo Archeologico di Parma e quella a staffa conservata presso il Museo di Villa Guinigi a Lucca.

La sezione successiva presenta una straordinaria raccolta di sculture in pietra: colonne, pilastrini, capitelli, architravi, transenne e timpani che, nell’insieme, documentano lo sviluppo della decorazione architettonica dal VII al X secolo entro il suo contesto intellettuale e culturale. Raffinati esempi ne sono la lastra con croce di Aquilea (Lucca), il pilastrino proveniente dal Museo Statale d’Arte Medievale e Moderna di Arezzo e le lastre dell’antica cattedrale di Torino.

Nel periodo altomedievale il culto per le reliquie dei Santi si colloca con forza negli usi del popolo cristiano e la devozione che ne deriva avvia una produzione specifica di preziosi reliquiari sia monumentali che mobili. Significativi esempi di questa produzione artistica sono il reliquiario di Cividale, la cassetta-reliquiario della cattedrale di Sarzana e quelli a croce di Vigevano e Volterra.

La mostra affronta anche il ruolo capitale che l’arte del libro occupa nella cultura del periodo. Oltre ad un testimone d’eccezione, il celeberrimo manoscritto 490 della Biblioteca Capitolare di Lucca, che reca la data 787, sono esposti codici e fogli sciolti di produzione altomedievale tra cui particolarmente rari e significativi l’evangelario della Biblioteca Capitolare di Perugia, il foglio di produzione insulare (irlandese o britannico) con Cristo fra gli Apostoli della Biblioteca Nazionale di Torino, l’ornatissimo omeliario dell’abbazia di Montecassino e l’insigne manoscritto Amiatino 3 della Biblioteca Laurenziana di Firenze. Nello spirito della mostra, anche in questo caso gli apparati decorativi dei codici sono suggestivamente confrontati con importanti manufatti di altre tipologie, quali il cosiddetto “cavallino” da Corteolona dei Musei Civici di Pavia, il dittico di Rambona dei Musei Vaticani e il marmoreo rilievo con Arcangelo di Capua.

La “rinascita” carolingia, avviata nel mondo del libro con l’introduzione della minuscola carolina, nel giro di una generazione arriva a coinvolgere tutte le “arti diverse”, qui testimoniate da capolavori assoluti quali il capitello di Malles e la Madonna di Brescia, in stucco, e il Santo ad affresco e la testina in avorio da San Vincenzo al Volturno.

Un’intera sezione è dedicata poi ad una raffinata selezione di preziosi tessuti serici di provenienza orientale, quali l’eccezionale se pur poco noto telo di Ascoli Piceno e due più famosi frammenti del Museo Vaticano e del Bargello. Il tema degli animali affrontati, tipico di questi tessuti, viene ripreso nella scultura in pietra coeva: ne sono esempi in mostra le formelle del Museo Barracco di Roma, le lastre del Museo Provinciale Campano di Capua e del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari.
Questo motivo svolge un ruolo importante nello sviluppo del capitello medievale, di cui la mostra testimonia i momenti cruciali con esempi significativi che vanno dall’enigmatico e affascinante capitello di Gello, oggi a Villa Guinigi, fini a quello ormai pienamente romanico di Pavia.

Il fascino dell'Oriente, così importante per gli uomini del Medioevo, non è testimoniato in mostra solo dai tessuti ma anche da altre tipologie di oggetti che dimostrano l'eccellenza artistica di Bisanzio e dell'Islam: è il caso dello splendido Falco in bronzo, sicuramente fra i più notevoli metalli islamici che ci siano pervenuti (affiancato dal suo travestimento in foggia di gallo realizzato quando l’oggetto fu utilizzato come banderuola sulla chiesa di San Frediano di Lucca), nonché dei bacini ceramici che ornavano le chiese romaniche lucchesi e pisane.

Chiude la mostra una serie di testimonianze appartenenti al periodo compreso tra XI e XII secolo: codici, sculture e monete che alludono in forma sintetica alla nascita della civiltà comunale lucchese. Un rarissimo bronzo raffigurante un leone con volto umano ci proietta poi idealmente verso la realizzazione di una seconda mostra, che illustrerà lo svolgimento dell’arte lucchese nei secoli centrali del Romanico (XII- XIII secolo).

Comitato scientifico della mostra lucchese è composto da Clara Baracchini, Carlo Bertelli, Antonino Caleca, Marco Collareta, Gigetta Dalli Regoli, Maria Teresa Filieri

La Fondazione Ragghianti è ospitata presso il Complesso monumentale di San Micheletto, via San Micheletto 3

Orario di apertura: martedì - domenica, ore 10-18. Chiusura lunedì

Per maggiori informazioni potete contattare lo 0583 467205 o visitare il sito www.fondazioneragghianti.it
Leggi tutto

mercoledì 21 luglio 2010

Mostra Caravaggio Porto Ercole 2010-1610


Porto Ercole - Mostra Caravaggio 2010: otto capolavori del Maestro del Naturalismo seicentesco reinterpretati in chiave contemporanea saranno esposti dal 24 luglio fino al 29 agosto 2010 nel Palazzo Ex-Scuola Elementare, Lungomare Andrea Doria a Porto Ercole (Grosseto).

Nel 400° anniversario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, Porto Ercole rende omaggio al grande artista la cui vita si spense a soli 37 anni lungo la sua costa nel 1610.
Reinterpretare otto opere caravaggesche è stato l'obiettivo conseguito dal fotografo portercolese Giuseppe Zanoni, insieme alla giornalista tedesca Annegriet Camilla Spoerndle e all’architetto Giacomo Pietrapiana.

A rendere più ardua una simile impresa fotografica è stata la scelta del mezzo tecnico: il banco ottico a lastre, prima storica macchina fotografica, anziché ricorrere alla spesso abusata fotografia digitale.

“Io sono nato dove Caravaggio è morto e sono sempre stato affascinato dalla potenza fotografica dei suoi quadri, dei suoi modelli e dei giochi con le luci e le ombre. Gli studi scientifici della Dott.ssa Roberta Lapucci hanno poi confermato e catalizzato la mia idea sul Caravaggio fotografo. Così abbiamo cominciato a sviluppare le prime idee sulle opere.”

Da allora sono ormai passati diversi mesi e sul set a Porto Ercole si vedono studenti, pensionati, maestre, pescatori, mamme e nonni nei panni dei famosi protagonisti dell’arte caravaggesca.
L'intento appare chiaro dalle parole della Spoerndle:
“Come Caravaggio anche noi volevamo lavorare con la gente del popolo e siamo tutti molto contenti del prodotto finale.”
.
Pietrapiana aggiunge:
“Il lavoro è stato complesso ed appassionante e i risultati hanno coinvolto sia lo storico dell'arte Tomaso Montanari che sponsor tecnici tra cui Fuji e Canon Italia; abbiamo inoltre ottenuto il patrocinio del Comune di Monte Argentario e della Città di Caravaggio, della Provincia di Grosseto e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali."


Rivisitazione Opere Caravaggio 2010 Mostra fotografia Porto Ercole

1) Il suonatore di liuto
2) Canestra di frutta
3) Narciso
4) Giuditta e Oloferne
5) Amor vincit omnia
6) La Madonna dei Pelegrini
7) La cena in Emmaus
8) Ritratto di un Cavaliere di Malta
Leggi tutto

musicAzeri: Tre giorni di grande musica nelle valli di Zeri


Nelle valli di Zeri, dal 23 al 25 luglio, si terrà musicAzeri, un itinerario musicale di prim'ordine che offre l'opportunità di ascoltare alcuni tra i più grandi interpreti sulla scena odierna, italiani e non, e di conoscere un territorio unico, ricco di storia, tradizione e cultura.

musicAzeri nasce come desiderio sincero di portare la grande musica in una terra di tradizioni fiere e cultura millenaria come Zeri. Esiste, in queste valli fascinose, un patrimonio inespolorato di chiese ed oratori che meriterebbe maggior fama e considerazione. Organizzare eventi musicali di alto pregio in questi luoghi è un modo come un altro per valorizzare il nostro territorio, sottolineandone gli aspetti forse meno evidenti al turista di passaggio e regalando a tutta la popolazione l’opportunità di un arricchimento culturale e spirituale, proponendo un raffinato programma musicale che possa essere apprezzato anche da chi è meno avvezzo all’ascolto di questo genere di musica.

Tra il 23 ed il 25 luglio 2010 arriveranno a Zeri alcuni musicisti di calibro internazionale, maestri di fama e comunicativa fuori dal comune, le cui interpretazioni di capolavori barocchi, classici e romantici potranno regalare intense emozioni a coloro che parteciperanno a questo fine settimana all'insegna della Grande Musica nelle valli dell'alta Lunigiana.

Tra i nomi in cartellone spiccano quelli di MARCO FORNACIARI, violinista eccelso, già Primo Violino dei Solisti Veneti ed oggi testa di serie della scena concertistica internazionale, il gruppo IL ROSSIGNOLO, giovane compagine toscana dedita allo studio e all’interpretazione della musica antica su strumenti originali, impostasi all’attenzione del mondo musicale con una serie di concerti e registrazioni di gran successo, poi il QUARTETTO GEMINIANI, il TRIO FORTUNA, e tanti altri talenti. Iniziativa forse insolita in seno ad una stagione di musica, avremo anche una mostra di liuteria classica, esponendo la produzione del Maestro liutaio FABRIZIO DI PIETRANTONIO nella Sala Colsiliare del Comune di Zeri, a Patigno. Una ‘full immersion’, quindi, che non mancherà di fornire spunti di riflessione e arricchimento culturale a chiunque avrà lo stimolo di avvicinarsi a musicAzeri.
Nello spirito di collaborazione, entusiasmo, e voglia di far cultura che ha animato questa iniziativa sin dall’inizio, tutti gli eventi sono ad ingresso libero.

Organizzatore dell'evento musicAzeri è il grande pianista pisano Sandro Ivo Bartoli che, impegnato da anni nella rivalutazione musicale dei piccoli teatri storici racconta così il suo ultimo progetto:
“Da quando mia moglie Debra Fast ed io ci siamo trasferiti a Zeri, quasi cinque anni orsono, è nato istintivo in noi il desiderio di portare la grande musica anche in questa terra di tradizioni fiere e cultura millenaria. Qui non abbiamo teatri, ma tante chiese ed oratori di valore significativo: musicAzeri vorrebbe essere anche un incentivo a visitarli e a godere di un territorio davvero unico. Sono sempre più convinto che in Italia ci sia un atteggiamento sospettoso nei confronti della musica classica, uno stigma tanto insulso quanto difficile da eradicare: per apprezzare la grande musica non ci vogliono i diplomi di conservatorio, ma un paio di orecchie buone e la voglia di ascoltare! Per mettere insieme questa tre giorni, ci siamo rivolti a musicisti di grande fama e comunicativa, che hanno accettato di lavorare con noi anche a scapito delle nostre modeste finanze, ed ai quali va tutta la nostra gratitudine. Parlando di gratitudine, poi, vorremmo ringraziare tutti gli sponsors grandi e piccoli che ci hanno aiutato ad organizzare questo bell’evento, che speriamo abbia l’eco che merita.”

Programma musicAzeri - Concerti

Venerdì 23 luglio 2010

Ore 18 - Sala Consiliare del Comune, Patigno.

Cerimonia d’apertura: FABRIZIO DI PIETRANTONIO

Mostra di liuteria classica. La mostra rimarrà aperta sabato e domenica dalle ore 14 alle ore 16.

Ore 20.30 - Oratorio si Santa Maria Assunta, Bergugliara.

IL ROSSIGNOLO

Ottaviano Tenerani, direttore

Concerto di musica antica su strumenti originali.

Programma:

Georg Philipp Telemann - Essercizii Musici - Trio XI a flauto traverso, oboe e continuo Largo, Allegro, Affettuoso, Presto

Leonardo Vinci - Sonata a flauto traverso e basso continuo Adagio, Allegro, Largo, Presto, Pastorella

Johann Sebastian Bach - Sonata a tre BWV 1039 Adagio, Allegro ma non presto, Adagio e piano, Prest

Georg Philipp Telemann - Essercizii Musici - Solo X a flauto diritto e basso continuo Adagio/Allegro, Larghetto, Vivace

Pierre Prowo/Joh. Chr. Schultze - Sonata a 3 Flauto Travers, Flauto a bec con Basso Adagio, Allegro, Dolce, Allegro


Sabato 24 luglio 2010

Ore 17, Oratorio di Santa Maria Maddalena, Piagna.

CORO AL SASS

Ivano Poli, direttore

Concerto di madrigali e mottetti sacri.

Programma:

Filippo Azzaiolo - Già cantai allegramente

Jacob Arcadelt - Il bianco e dolce cigno

Anon. sec. XV - attrib. a Mateo Flecha El Vejo - Dindirin

Josquin Desprez -
El grillo

Paolo Bellasio - Questi tuoi occhi ardenti

Filippo Azzaiolo - Chi passa per 'sta strada

Henry Purcell - Hush, no more

Jean Paul Aegidius Schwarzendorf, soprannominato Martini il Tedesco - Plaisir d’amour

Giovanni Croce - Cantate Domino

Licinio Goffredo Clinio Elpidio Refice - In Me Gratia

Nicolai Kedrov - Pater noster

Ore 20.30 - Chiesa di San Rocco, Coloretta.

QUARTETTO GEMINIANI

Pieclaudio Fei, violino

Debra Fast, violino

Julie Shepherd, viola

Valeria Brunelli, violoncello

SANDRO IVO BARTOLI, pianoforte

Programma:

Wolfgang Amadeus Mozart - Concerto per pianoforte e orchestra in la maggiore KV.414 ‘A Quattro’ Allegro – Andante – Rondò: allegretto

Ludwig van Beethoven - Concerto per pianoforte e orchestra No.4 in sol maggiore Op.58 ‘A Quattro’ Allegro moderato - Andante con moto – Rondò: vivace


Domenica 25 luglio 2010

Ore 11 - Passo dei Due Santi

CORO A.N.A. MONTE SILLARA

Ivano Poli, direttore

Canti e cori di montagna.

Ore 17 - Sala Consiliare del Comune, Patigno.

TRIO FORTUNA

Con DEBRA FAST, violino

Programma:

Franz Joseph Haydn - Quartetto in Sol maggiore Op.1 No.4 Hob. III:4

Luigi Boccherini - Quartetto in re minore Op.10 No.2

Wolfgang Amadeus Mozart - Divertimento No.1 in re maggiore KV136

Ore 20.30 - Chiesa di San Rocco, Coloretta

CONCERTO PER SANT’ANNA:

MARCO FORNACIARI, violino

Programma:

Giuseppe Tartini - Sonata Tredicesima per violino solo

Johann Sebastian Bach - Sonata No.1 in sol minore Partita No.2 in re minore

Niccolò Paganini - Tre Capricci per violino solo (No. 13, No.6, No.20) “Nel Cor Più Non Mi Sento”-Introduzione, Tema e Variazioni
Leggi tutto

giovedì 15 luglio 2010

Lucca - Cinema in libreria Edison


Lucca Cineforum e Libreria Edison presentano Cinema in libreria, 5 incontri con esperti cinefili.

Fil rouge di queste serate di approfondimento cinematografico presso la Libreria Edison a Lucca sarà la contaminazione tra cinema e letteratura.


Cinema in Libreria - Incontri cinematografici Edison Lucca

Martedì 20 luglio - ore 21.30
IL CINEMA SECONDO TRUFFAUT a cura di Michele Cecchini
Nell'incontro verrà analizzato Jules e Jim, lungometraggio del 1962, tra i più amati del regista francese.
In particolare, verrà proposto un itinerario per cogliere il rapporto tra la pellicola e l'omonimo romanzo di Henri-Pierre Roché da cui è tratta.

Mercoledì 28 luglio ore 21.30
MARIO SOLDATI DALLA PAGINA ALLO SCHERMO a cura di Marco Vanelli
Mario Soldati è stato il primo intellettuale italiano a svolgere continuativamente e professionalmente l'attività letteraria e quella cinematografica.
L'incontro indagherà su questo rapporto e sarà l'occasione per presentare un cortometraggio ritenuto perduto di Soldati, realizzato nel 1945 con la collaborazione di Diego Fabbri e Cesare Zavattini, in pieno clima neorealista, dal titolo Chi è Dio?

Mercoledì 4 agosto ore 21.30
ALLE ORIGINI DELL'HORROR a cura di Marco Vanelli
Pensando all'horror come genere cinematografico ci vengono in mente situazioni, personaggi, atmosfere. Ma forse c'è anche un meccanismo più propriamente legato al linguaggio cinematografico che fa sì che lo spettatore si senta a disagio sulla poltrona.
Cercheremo di individuare quel meccanismo e di riconoscerlo per ciò che è attraverso la visione di alcune sequenze celebri dai fratelli Lumière agli spot pubblicitari.

Mercoledì 11 agosto ore 21.30
DAL LIBRO ALLA FICTION Incontro con Giampaolo Simi (scrittore e sceneggiatore) coordinato da Michele Cecchini
Giampaolo Simi è autore del racconto Luce del nord, contenuto nell'antologia Crimini Italiani edita da Einaudi nel 2008 (contenente racconti, tra gli altri, di Carlotto, Carofiglio, Lucarelli e Camilleri).
La serie di racconti è concepita per divenire il soggetto di episodi di una fiction televisiva, Crimini, andata in onda su RaiDue. Con Simi si analizzerà il passaggio dal racconto alla fiction.

Mercoledì 25 agosto ore 21.30
EDWARD HOPPER, SUGGESTIONI LETTERARIE E CINEMATOGRAFICHE a cura di Alessandro Tovani.
La recente mostra italiana dedicata al grande pittore americano Edward Hopper ci dà lo spunto per una riflessione su quanto i suoi quadri abbiano avuto una ricaduta nella letteratura, ma soprattutto nel cinema.
Autori come Wenders, Dario Argento, Hitchcock, Allen sono fortemente debitori delle suggestioni paesaggistiche, luministiche e architettoniche di Hopper, come vedremo attraverso numerosi esempi.
Leggi tutto

Notte Etrusca Val di Cornia - Visite guidate notturne - Notti Archeologia Toscana

Val di Cornio - Notte Etrusca a Luglio in Toscana.

Nell'ambito della rassegna Notti dell'archeologia sono organizzate il sabato sera nel mese di luglio visite guidate notturne alla necropoli di San Cerbone.

"Notti magiche" sulle tracce degli Etruschi. Placata la calura diurna, nella quiete delle notti d'estate, i riflessi di torce illuminano il percorso che conduce alla necropoli etrusca all'interno del Parco archeologico di Baratti e Populonia.
Due guide vestite all'etrusca accompagnano i visitatori alla scoperta dei tumuli e delle tombe a edicola disseminati nell'area archeologica di Populonia risalenti al VII – VI secolo a.C.

Due piccoli allestimenti "scenografici", il banchetto e il funerale, animano la visita alle principali tombe della Necropoli di San Cerbone, a partire dalla più grande e spettacolare: la tomba dei Carri, con un diametro che sfiora i trenta metri, una sorta di astronave etrusca riemersa dal VII secolo a.C.. Il percorso che scivola lentamente verso il mare è un’occasione per scoprire i significati del rito funebre e degli oggetti che compongono il corredo, a cui si legano una pluralità di relazioni e di suggestioni culturali.

Sabato 17 luglio, in concomitanza con la Notte Etrusca avrà luogo "Parchi di Stelle", la serata di osservazione astronomica organizzata in collaborazione dell’associazione Astrofili di Piombino.

Sabato 24 luglio, le torce e le luci lungo il percorso faranno da sfondo alla visita animata "Alla scoperta di San Cerbone con Antonio Minto, grande archeologo del passato".
Leggi tutto

Alan Rickman a Volterra: Cattivi, cattivissimi e bastardi nel teatro di Shalespeare

Volterra - ALAN RICKMAN, il grande attore teatrale e cinematografico britannico la cui popolarità è legata all'interpretazione di diversi ruoli, tra cui il professore Severus Piton, celebre personaggio della serie di Harry Potter, approda al Teatro Romano di Volterra.

Sabato 17 Luglio Alan Rickman parteciperà al recital Cattivi, cattivissimi e bastardi nel teatro di Shalespeare, una drammaturgia di Luigi Lunari, con Simone Migliorini, direttore e fondatore di questo Festival, qui nelle vesti di attore e regista dello spettacolo dove sarà affiancato da Francesca Signorini e dal polistrumentista David Dainelli che eseguirà musiche da lui composte.

Domenica 18 Luglio nella superba duecentesca Piazza dei Priori ci omaggerà dall'alto delle torri medioevali intervallandosi allo spettacolo con e di Migliorini “Poeti tra le torri di Volterra” Dante- D'Annunzio-Dante.

Al termine della serata l'attore riceverà il premio Ombra della Sera, la statuetta di bronzo etrusca, divenuta simbolo della città toscana.
Leggi tutto

venerdì 9 luglio 2010

Festival Unicorno Vinci


Vinci - Festival dell'Unicorno è la festa medievale-fantasy che animerà il borgo leonardesco il 24 ed il 25 luglio.

Cavalieri, maghi, sbandieratori, bardi e musici itineranti sono solo alcuni dei personaggi bizzarri e delle creature fantastiche che daranno vita alla tradizionale manifestazione fantasy.

A proposito di costumi e mascheramenti, ricordo che avranno luogo i consueti CosPlay in stile manga e quello in stile fantasy ed il Contest Miglior Creatura Fantastiche. Il Cosplay è aperto a tutti, mentre quella che ormai tutti chiamano "la gara dei mostri" è riservata alle associazioni di GRV.

Programma Festival dell'Unicorno Vinci

Sabato 24 Luglio 2010

Ore 15:30 – In tutto il centro storico
Apertura degli stand del mercatino medievale

Ore 16:00 – 24:00 – Pinetina della Doccia
Accampamento medioevale degli Ars Laminae

Ore 17:00 – 19:00 - Piazza del Castello
Concorso Costume Fantasy a cura dell'associazione TNT Cosplay

Ore 17:00 - 23:00 - Lungo le vie del borgo
Animazione itinerante con giullari e trampolieri a cura del gruppo Iannà Tampé

Ore 17:30 - Palazzina Uzielli: Vinci Books
Valentina Russo presenta il suo libro "Monteluna 10 Maggio" e Manuela D'Amore presenta "La Dama della Luce" a cura della casa editrice Linee infinite.

Ore 18:00 – Via Montalbano
Accademia di Magia per piccoli Maghi a cura della Corporazione dei Bardi

Ore 18:15 – Via Giovanni XXIII
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 18:30 – Piazza Guidi Matrimonio degli Elfi a cura della Compagnia Teatrale Marvesio con accompagnamento musicale degli Arcan Bold

Ore 18:30 – Piazza del Castello
Torneo D’arme

Ore 18:45 - Palazzina Uzielli
Vinci Books - Francesca Romana D'Amato presenta il suo libro "I draghi dei Visconti"

Ore 19:00 – Piazza Guidi
Danze alla Luna del gruppo Moonlight Dolls

Ore 19:00 – Piazza Leonardo da Vinci
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 19:15 – Piazza della Libertà
Partenza sfilata Contest Creature Fantastiche con accompagnamento musicale del gruppo Arcan Bold

Ore 19:15 - Piazza Guazzesi
Apertura ristoro del Gladiatore a cura dell'Associazione Giovani Calcio Vinci

Ore 19:30 – Piazza del Castello
Contest Creature Fantastiche

Ore 20:00 - Piazza della Libertà
Apertura ristoro dell'Hobbit a cura dell'Associazione Vinci & Montalbano

Ore 21:00 – Via Giovanni XXIII
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 21:00 – 23:30 – Via Montalbano
Conferenza di Dragonologia e Dimostrazione costruzione draghi a cura della Corporazione dei Bardi

Ore 21:15-24:00 - Piazza Leonardo Da Vinci
Vicolo della Paura

Ore 21:15 – Piazza del Castello
Inizio Evento Live a cura delle associazioni Nox, Enclave e Clavis Omni

Ore 21:30 - Piazza del Castello
Concerto di musica celtica del gruppo Morning Star

Ore 21:30 – Piazza Guidi
Danze alla Luna del gruppo Moonlight Dolls

Ore 21:45 – Pinetina della Doccia
Spettacolo di Duelli Medioevali del gruppo Ars Laminae

Ore 22:15 – Via Montalbano
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 22:30 – Via Giovanni XXIII
Suoni e Atmosfere medioevali del gruppo Arcan Bold

Ore 22:45 – Piazza Guidi
Danze alla Luna del gruppo Moonlight Dolls

Ore 23:00 – Pinetina della Doccia
Spettacolo di Duelli Medioevali del gruppo Ars Laminae

Ore 23:45 – Piazza del Castello
Ridda del fuoco, spettacolo di giocoleria con fuoco del gruppo Iannà Tampé


Domenica 25 Luglio 2010

Ore 15:30 – In tutto il centro storico
Apertura degli stand del mercatino medievale

Ore 16:30 – 19:00 - Piazza del Castello
Gara Cosplay a cura della associazione Synergy Cosplay

Ore 17:00 – 23:00 – Via Montalbano
Dimostrazioni pratiche di Costruzioni Draghi a cura della Corporazione dei Bardi

Ore 17:30 – Palazzina Uzielli
Incontro con i disegnatori di TEX Marco Bianchini e Fabio Civitelli
Ore 17:30 – Via Montalbano: Accademia di Magia per piccoli Maghi a cura della Corporazione dei Bardi

Ore 18:15 – Piazza Guidi
Suoni e Atmosfere medioevali del gruppo Arcan Bold

Ore 18:30 – Piazza del Castello
Torneo D’arme

Ore 18:30 – Piazza Leonardo da Vinci
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 19:00 - Via Montalbano
Accademia di Magia per piccoli Maghi a cura della Corporazione dei Bardi

Ore 19:15 – Via Giovanni XXIII
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 19:15 - Piazza Guazzesi
Apertura ristoro del Gladiatore a cura dell'Associazione Giovani Calcio Vinci

Ore 19:30 – Piazza del Castello
Spettacolo di falconeria a cura del gruppo Falconieri Fiorentini

Ore 19:30 – Piazza Guidi
Danze alla Luna del gruppo Moonlight Dolls

Ore 20:00 - Piazza della Libertà
Apertura ristoro dell'Hobbit a cura dell'Associazione Vinci & Montalbano

Ore 21:00 - 22.30 - Pinetina della Doccia
Disfida di Arti Magiche

Ore 21:15 - Piazza del Castello: Spettacolo di Danza, Giocoleria e fuoco del gruppo Fuoco e Affini

Ore 21.15-23.30 - Piazza Leonardo Da Vinci
Vicolo della Paura

Ore 21:30 – Piazza del Castello
Concerto dei Fantasya coverband dei Nightwish

Ore 21:30 – Piazza Guidi
Danze alla Luna del gruppo Moonlight Dolls

Ore 21:45 – Via Giovanni XXIII
Suoni e Atmosfere medioevali del gruppo Arcan Bold

Ore 22:00 – Via Montalbano
Spettacoli di Giocoleria della Compagnia dei Maltrainsem

Ore 22:30 - Piazza Guidi
Danze alla Luna del gruppo Moonlight Dolls

Ore 22:45 - Via Giovanni XXIII
Spettacolo degli sbandieratori della contrada di Porta al Palagio

Ore 23:00 – Piazza della Libertà
Partenza sfilata Sbandieratori di Porta al Palagio e Creature del Contest Creature fantastiche

Ore 23.30 - Piazza del Castello
Spettacolo conclusivo con il fuoco a cura del gruppo Fuoco e Affini

A seguire, premiazione della Disfida di Arti Magiche e del Contest della Miglior Creatura Fantastica.

Entrambi i giorni, durante l'orario della manifestazione (dalle 16.00 alle 24.00)

* Arena dei duelli
* Tiro con l'arco
* Truccabimbi
* Bardi e musici itineranti
* Spettacoli di giocoleria
* Rievocazione duelli medioevali
* Stand librerie e negozi di fumetti
* Sessioni dimostrative grv
* Stand espositivi associazioni
* Mercatino medievale
* Mercato agroalimentare
* Le Locande dell'Unicorno Impennato: menù turistici a tema in tutti i ristoranti di Vinci

* Presso la Palazzina Uzielli: esposizione di tavole del fumetto di Tex della Sergio Bonelli Editore


Come arrivare
Per chi arriva a Vinci in treno, una volta giunti alla stazione di Empoli è possibile prendere l'autobus per Vinci con partenza ai seguenti orari

Sabato 24 luglio: 13 - 13:10 - 13:50 - 14:15 - 15:15 - 16:15 - 16:40 - 18:10 - 19:10 - 20:02 - 20:35

Domenica 25 Luglio: 13:55 - 19.20. Alle 15.20 Navetta gratuita

Inoltre dalle 15.00 alle 1.00 di notte servizio navetta continuo e gratuito dai parcheggi fino al centro storico.


Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.festaunicorno.com
Leggi tutto

Calci: Certosa Festival 2010


Calci - Certosa Festival dal 9 luglio al 29 luglio: al via la decima edizione del Festival di Calci con la consueta ricca programmazione di spettacoli di musica, teatro, danza.

Gli spettacoli iniziano alle 21.30 ed il costo del biglietto è di euro 10.


Programma Certosa Festival Calci

Venerdì 9 luglio 2010
Don Giovanni: dissoluto, eroe o vittima? da W. A. Mozart, una simpatica rivisitazione del mito di Don Giovanni attraverso la musica di Mozart e il racconto di un intrigante personaggio la cui identità verrà svelata solo alla fine e che certo non mancherà di stupire il pubblico.
Produzione Certosa Festival.

Lunedì 12 luglio 2010
Shakespeare's sonnets di Mario Castelnuovo-Tedesco con la voce recitante di Salvatore Ciulla.
Prima esecuzione assoluta di un'ampia selezione dei 32 Shakespeare's Sonnets che Mario Castelnuovo-Tedesco compose in America, dove si trovava a causa delle leggi razziali fasciste.
Produzione Certosa Festival.

Mercoledì 14 luglio 2010
Dive da nord dive da sud... spettacolo con Silvia Felisetti e Claudia Catellani al pianoforte. Dive capricciose e incompatibili si incontrano accompagnate dalle note dell'operetta austriaca e della canzone napoletana.

Sabato 17 luglio 2010
Inaugurazione della mostra di scultura di Franco Adami intitolata 'Silenzi d'arte'. La mostra si chiuderà il 30 agosto.
La mostra si snoda lungo un doppio percorso: al Museo Nazionale della Certosa sarà presentata la serie di opere intitolata 'Sacralità della materia' mentre 'Il bestiario tra mito e realtà' sarà ospitato presso il Museo di Storia Naturale e del Territorio dell'Università di Pisa, cornice ideale per l'esposizione di raffigurazioni di 8 animali.

Sabato 17 luglio 2010
L'Accademia in Certosa: dall'arpa celtica al piano jazz. Concerto eterogeneo per inaugurare la mostra di sculture di Franco Adami.

Mercoledì 21 luglio 2010
Don Giovanni di W. A. Mozart. Ein Musikalischer Spass zu Don Giovanni.
Un'orchestrina piuttosto bizzarra si trova alle prese con il Don Giovanni. Sin qui tutto normale penserete voi. Ma se a questo si aggiunge che l'orchestra non dispone di strumenti musicali e, pur non conoscendo la musica della famosa opera di Mozart, è obbligata a eseguirla in pubblico, ecco allora che sorgono i problemi che animeranno la trama dello spettacolo.

Mercoledì 28 e giovedì 29 luglio 2010
Sogni Andalusi, spettacolo di flamenco. Le parole dei poeti scelti per la serata, lette da Salvatore Ciulla, si fanno carne e sangue attraverso le danze di Mario el Rubio e Veronica Greco, la voce di Maria Odete Rocha e le note della chitarra di Carmen Martinez. Anche quest'ultimo spettacolo è una produzione di Certosa festival.
Leggi tutto

martedì 6 luglio 2010

Barga Jazz Festival - Programma 2010

Barga in Jazz con il Barga Jazz Festival che dal 20 al 28 agosto animerà il borgo lucchese con concerti di musicisti italiani e internazionali.

La 23° edizione del BargaJazz Festival sarà dedicata a Steve Swallow che suonerà con la BargaJazz Orchestra diretta da Bruno Tommaso.
Fulcro della rassegna jazz è la competizione divisa in varie sezioni: Arrangiamento (sezione A); Composizioni originali (sezione B); Nuovi musicisti (sezione C). Sezioni A,B, e C si terranno il 26, il 27, il 28 di agosto al Teatro dei Differenti - Barga.

Per partecipare alla competizione occorre presentare la domanda entro il 26 luglio seguendo la procedura riportata sul sito Barga News

Programma Barga Jazz Festival

20 Agosto
Piazza Angelio ore 21:30
Maurizio Geri Swing Quintet (dedicato a Django)
Maurizio Geri – chitarra/voce, Leonardo Boni – chitarra, Luca Giovacchini – chitarra, Michele Marini – clarinetto, Nicola Vernuccio – contrabbasso

21 Agosto
Teatro dei Differenti ore 21:30
Antonio Forcione Quartet (serata in collaborazione con l’associazione AMATAFRICA, l’incasso sarà devoluto a progetti di sviluppo e cooperazione)
Antonio Forcione - chitarre e oudan; Jenni Adejayn - violoncello; Nathan Thomson - contrabbasso; Adriano Adewale – percussioni.

22 Agosto
Centro Storico 17:00 BARGA IN JAZZ
P. Funking Band
EnoJazz Quintet
Organic Groove
Saxophonia
e molti altri...

22 Agosto
Duomo di S. Cristoforo
Vittorio Alinari solo – clarinetto basso, clarinetto, contrabbasso, sax soprano, sax tenore, djeredoo

22 Agosto
Piazza Angelio
Raindogs & Beppe Scardino
Beppe Scardino – sax baritono, Mirco Rubegni – tromba, Gabrio Baldacci – chitarra, Mirco Capecchi – contrabbasso, Simone Padovani – percussioni, Daniele Paoletti – batteria.

23 Agosto
Piazza Angelio
BargaJazz contest: fase finale del concorso per gruppi da 3 a 7 elementi
Esibizione dei Gruppi in concorso:
Controtempo Jazz Group
3iO

24 Agosto
Piazza Angelio
BargaJazz contest: fase finale del concorso per gruppi da 3 a 7 elementi
Esibizione dei Gruppi in concorso:
Dario Carnovale Trio
Marco Marconi Trio

25 Agosto
Teatro dei Differenti
Andrea Fascetti Quartet
Andrea Fascetti - basso elettrico, Andrea Garibaldi – pianoforte, Riccardo Fioravanti - contrabbasso , Massimo Manzi – Batteria

26 Agosto
Teatro dei Differenti
Steve Swallow & Barga Jazz Orchestra
concorso internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz – sezione A
Direzione M° Bruno Tommaso, Steve Swallow – basso elettrico; Dimitri Grechi Espinoza (sax alto), Achille Succi (sax alto/clarinetto), Vittorio Alinari (sax tenore/soprano), Alessandro Rizzardi (sax tenore), Rossano Emili (sax baritono) Andrea Tofanelli, Andrea Guzzoletti, Stefano Benedetti, Marco Bartalini (trombe) Nicolao Valiensi, Marcello Angeli, Davide Guidi, Sergio Bertellotti (tromboni), Alessandro Fabbri (batteria), Milko Ambrogini (contrabbasso), Stefano Onorati(pianoforte), Roberto Cecchetto (chitarra), Luca Gusella (vibrafono)

27 Agosto
Teatro dei Differenti
Barga Jazz Orchestra – concorso internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz – sezione B,C
Direzione M° Bruno Tommaso
ospite della serata Pietro Tonolo – saxes
Dimitri Grechi Espinoza (sax alto), Achille Succi (sax alto/clarinetto), Vittorio Alinari (sax tenore/soprano), Alessandro Rizzardi (sax tenore), Rossano Emili (sax baritono) Andrea Tofanelli, Andrea Guzzoletti, Stefano Benedetti, Marco Bartalini (trombe) Nicolao Valiensi, Marcello Angeli, Davide Guidi, Sergio Bertellotti (tromboni), Alessandro Fabbri (batteria), Milko Ambrogini (contrabbasso), Stefano Onorati(pianoforte),Roberto Cecchetto (chitarra), Luca Gusella (vibrafono)

28 Agosto
Teatro dei Differenti
Steve Swallow & Barga Jazz Orchestra – concorso internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz – finale sezioni A, B, C
Direzione M° Bruno Tommaso, Steve Swallow – basso elettrico
Dimitri Grechi Espinoza (sax alto), Achille Succi (sax alto/clarinetto), Vittorio Alinari (saxtenore/soprano), Alessandro Rizzardi (sax tenore), Rossano Emili (sax baritono), Andrea Tofanelli, Andrea Guzzoletti, Stefano Benedetti, Marco Bartalini (trombe), Nicolao Valiensi, Marcello Angeli, Davide Guidi, Sergio Bertellotti (tromboni) Alessandro Fabbri (batteria), Milko Ambrogini (contrabbasso), Stefano Onorati(pianoforte), Roberto Cecchetto (chitarra), Luca Gusella (vibrafono)
Leggi tutto

lunedì 5 luglio 2010

Palco della Memoria - Serravezza Palazzo Mediceo: Travaglio, Paolini, Ovadia


Serravezza - Il Palco della Memoria al Palazzo Mediceo è una rassegna estiva dedicata al teatro d'impegno civile, di cui si faranno interpreti oltre a veterani del palcoscenico come Paolini e Ovadia anche neofiti tra cui l'ex magistrato Gherardo Colombo con il processo a Camillo Benso di Cavour, un pretesto per raccontare la nostra storia recente.

Programma Spettacoli - Palco della Memoria - Palazzo Mediceo Serravezza

Mercoledì 14 luglio
Marco Travaglio - Promemoria -Quindici anni di storia d'Italia ai confini della realtà
testo di Marco Travaglio
regia Ruggero Cara
musiche dal vivo di C-Project (Valentino Corvino, violino ed elettronica e Fabrizio Pugliesi, tastiere e sintetizzatori)
Costo del biglietto: euro 16.50

Venerdì 23 luglio
Marco Paolini - La macchina del capo di Marco Paolini e Michela Signori
Costo del biglietto: euro 16.50

Venerdì 30 luglio
Gherardo Colombo - Processo a Cavour
Costo del biglietto: euro 11.50

Giovedì 5 agosto
Elisabetta Salvatori - Vi abbraccio tutti - Partenze e ritorni sulle strade dell’Appennino di Fabio Genovesi, Francesco Guccini, Elisabetta Salvatori
musiche originali di Matteo Ceramelli e con Matteo Ceramelli al violino e Sergio Branchi alla fisarmonica
Ingresso libero

Venerdì 6 agosto
Paolo Rossi - Serata del Disonore - repertorio antologico patafisico e criminale di Paolo Rossi
musiche eseguite dal vivo da Emanuele Dell’Aquila
produzione La Corte Ospitale
Costo del biglietto: euro 16.50

Domenica 8 agosto A STAZZEMA
Moni Ovadia - Rabinovich & Popov (Russi ebrei ed ortodossi convivono nella grande URSS) e con Carlo Boccadoro
Ingresso libero

Giovedì 12 agosto
Giulio Casale - The beat goes on di Giulio Casale accompagnato alla chitarra da Lorenzo Corti
Costo del biglietto: euro 11.50

Domenica 15 agosto
Una corsa dietro al vento da Dino Buzzati, Pierpaolo Pasolini e Leonardo Sciascia
regia Riccardo Sottili
con Antonio Bertusi, Alberto Galligani e Lino Spadaro
scene Daniele Spisa
Ingresso libero

Mercoledì 18 agosto
Simone Cristicchi - Li Romani in Russia - Racconto di una Guerra a Millanta mila Miglia di Elia Marcelli
regia Alessandro Benvenuti
adattamento teatrale Prof. Marcello Teodonio
musiche e sonorizzazioni Gabriele Ortenzi/Areamag
scenografa Emiliano Zappalà
costumi Sara Quattrini
Costo del biglietto: euro 16.50

Giovedì 19 agosto
Carlo Monni - Notte Campana e con Arlo Bigazzi, basso - Orio Odori, clarinetto - Giampiero Bigazzi, electronics
con la collaborazione di Ettore Del Bene, Francesca Pieraccini, Marco Noferi, Azzurra Fragale, Gianni Frati, Franco Casaglieri, Dino Castrovilli
Ingresso libero

E' possibile acquistare i biglietti on line su TicketOne
Leggi tutto

Ridi Forte - Comici Forte dei Marmi

Forte dei Marmi - Ridi FORTE è la rassegna estiva di satira e comicità che si terrà presso Villa Bertelli al Forte dei Marmi

Programma Spettacoli - Ridi Forte

17 luglio
Giobbe Covatta - Recital
Costo del biglietto: euro 22

24 luglio
Enrico Bertolino - Recital
Costo del biglietto: euro 22

7 agosto
Elio e le Storie Tese - Bellimbusti Balneari
Costo del biglietto: euro 27

13 agosto
Teo Teocoli - La compagnia dei giovani

16 agosto
Oblivion - Oblivion Show
Costo del biglietto: euro 17

20 agosto
Gene Gnocchi - Cose che mi sono capitate.. ancora
Costo del biglietto: euro 22


E' possibile acquistare i biglietti on line su TicketOne
Leggi tutto

Mostra Joan Mirò. Universi magici - 4 Mostre Grosseto-Follonica-Sorano-Castel del Piano


Grosseto - Joan Mirò. Universi magici è una mostra, anzi 4 mostre dedicate al grande artista catalano.

Dal 18 luglio al 17 ottobre 2010, infatti, la mostra su Joan Mirò sarà ospitata all'interno di quattro musei della Provincia di Grosseto: il Museo Archeologico e d'Arte della Maremma di Grosseto, la Pinacoteca Civica Amedeo Modigliani di Follonica, la Fortezza Orsini di Sorano e la Raccolta d'Arte di Palazzo Nerucci di Castel del Piano.

Quasi duecento opere, tra illustrazioni di libri e grafica, scandiranno il percorso espositivo conducendo lo spettatore alla scoperta degli universi magici di Mirò, e al contempo di alcuni dei luoghi più belli e incantati della Maremma.

Come ho già accennato, la mostra presenta due aspetti della produzione artistica: la grafica e l'illustrazione di libri, che ebbero un ruolo tutt'altro che secondario nella produzione di Mirò.
L'incisione è per l'artista spagnolo la tecnica più adatta a manifestare gli aspetti più inaspettati del suo modo di concepire la vita.
Sin dalla sua prima litografia del 1930 fino alle ultime realizzazioni monumentali, Miró ha condotto la sua indagine su materiali, segni, colori, superfici e luci, sfruttando le peculiarità di ogni tecnica incisoria.
L'opera grafica ci consente di comprendere appieno la sua grande inventiva e di apprezzare la sua vena fantastica, entrando nel suo mondo attraverso un ingresso poco monitorato.

Non bisogna dimenticare poi l'amore di Mirò per la poesia che lo porta a modificare le modalità del rapporto tra il testo scritto e le immagini solitamente destinate ad illustrarlo. L'artista, infatti, partecipa alle emozioni del poeta, condividendo il filo conduttore legato agli stati d'animo e, a sua volta, interpretando attraverso la propria arte. Ne scaturivano veri e propri libri a quattro mani dove ciò che poteva essere definita illustrazione si trasformava in un percorso soggettivo complementare al pensiero poetico. Sei album in mostra, realizzati dagli anni 50 in poi, da alcuni tra i più famosi sino ad alcuni ancora poco noti in Italia.

Parler seul fu presentato nel 1950. Miró avrebbe dovuto realizzare un libro d’artista partendo dal testo che Tristan Tzara aveva scritto durante la sua permanenza nell’ospedale psichiatrico di Saint-Alban nel 1945. Il testo del poeta rumeno, una perfetta fusione tra il lucido caos dadaista, la cosciente visionarietà – in certi casi legata a stati di trance creativa – dei surrealisti, fu supportato da 72 litografie che l’artista spagnolo pensò come una sorta di forma di dialogo interattivo con il testo, arrivando a completare, concettualmente, una delle prime opere verbo-visive. Ne scaturì una vera e propria opera indipendente dove la scansione incalzante delle parole è alimentata da un susseguirsi armonico e incisivo di segni, forme, colori e superficie.

Nelle serie Anti-Platon, La lumière de la Lame, Saccades realizzata nel 1962, Miró affronta tre diversi poemi dialogando visivamente con versi poetici attraverso la ripetizione di alcuni elementi-forma archetipici e sperimentando le elevate possibilità espressive delle cromie. Questo portfolio comprende l’interazione visiva con tre amici-scrittori con i quali amava condividere esperienze artistiche: Ives Bonnefoy, André du Buochet e Jacques Dupin. Le serie si sviluppano per mezzo di un particolarissimo racconto visivo basato sulla variazione di una sola immagine. Ogni testo, infatti, è caratterizzato da una stessa figura ripetuta sette volte, ma modificata, alterata, violata e proiettata in dimensioni altre con interventi decisi di colore. Per queste sue atipicità e per questa sua condizione di ricerca basata sull’utilizzo estremo del colore, questa raccolta risulta essere unica nel suo genere.

Quelques fleurs pour des amis è un album pubblicato nel 1962 con una prefazione di Eugène Ionesco che riunisce 32 d’après in litografia colorata al pochoir dedicate a diversi personaggi che hanno fatto parte della vita dell’artista: da editori ad artisti, da autori a personaggi del mondo dell’arte come Max Ernst, Nina Kandinsky, Henry Matisse, Fernand Mourlot, Aimé Maeght, Marlene Dietricht, ecc. I colori tipici di Miró – giallo, rosso, blu e verde – si combinano sottoforma di tratti marcati alternati a segni scuri più leggeri. Nella maggior parte di questi lavori il colore non occupa più un ruolo fondante e determinante, ma è come se dovesse scandire il ritmo del costante dinamismo di un tempo esistenziale.

Un approccio simile segnicamente, ma cromaticamente quasi opposto, fu tenuto per Ubu roi, pubblicato nel 1966 dall’editore Triade: probabilmente la serie più interessante dell’intero suo corpus. In “Ubu roi”, l’artista spagnolo si rapporta con un testo teatrale di Alfred Jarry, edito per la prima volta nel 1896: la commedia, che narra le vicende di un avido e insolente Padre Ubu – personaggio stravagante le cui funzioni materiali esercitano il dominio su quelle cerebrali –, e della sua crudele ricerca di arrivare al potere, è considerata un’opera anticipatrice di molti degli elementi che furono alla base del Surrealismo e del Teatro dell’Assurdo. “Ubu roi” è una serie composta da 13 tavole in bianco e nero e altrettante a colori in cui Ubu rappresenta la caricatura di ogni meschinità e bassezza umana: un’occasione colta al volo da Miró per manifestare un qualcosa che non avremmo potuto vedere solamente per mezzo del senso della vista.

La serie Les penalités de l’Enfer ou les novelles-hebrides pubblicata nel 1974, è dedicata all’opera del poeta surrealista Robert Desnos, che Miró conobbe lo scrittore nel 1925. Dalla loro amicizia nacque l’idea per un libro a quattro mani, ma la crisi del 1929 prima, la guerra di Spagna e la seconda Guerra Mondiale non permisero la realizzazione del progetto. Solo in un secondo momento, Miró iniziò a lavorare a un manoscritto inedito, concesso dalla moglie di Robert e che verrà pubblicato nel 1974. Nacquero 25 litografie in cui l’artista iniziò ad abbandonare la forma per sperimentare le prime composizioni completamente astratte: le superfici si dinamicizzano diventando luoghi imprevedibili di sperimentazioni segniche e materiche, mentre le forme, che man mano si allontanano da riferimenti al dato reale, si stagliano dallo spazio diventando autoreferenziali.

Nella serie Meraviglie con variazioni, Miró è protagonista di un Surrealismo maturo e, probabilmente, più consapevole e controllato in cui il poema di Rafael Alberti – tra i maggiori poeti iberici del Novecento a cui si deve la nascita del Surrealismo in Spagna – e il lavoro visivo si fondono e, al tempo stesso, si confondono. La serie vuole essere un omaggio alla “nuova” visione della vita che Miró percepiva come un giardino nel quale scorgere e godere di meraviglie offerte dalla natura, ma anche legata alla capacità dell’uomo di vedere le cose oltre il loro apparire. Ne risultano strutture segnico-cromatiche dove è possibile percepire figure e volti di donna, uccelli e libellule, formiche e farfalle, oppure dei semplici tratti che contengono e incoraggiano il colore a muoversi all’interno di un preciso contesto.


INAUGURAZIONI MOSTRA
16 luglio ore 18.30: Grosseto, Museo Archeologico e d’Arte della Maremma
16 luglio ore 21.30: Follonica, Pinacoteca Civica Amedeo Modigliani
17 luglio ore 18: Sorano, Fortezza Orsini
17 luglio ore 21.30: Castel del Piano, Raccolta d’Arte di Palazzo Nerucci

QUANDO-DOVE
Grosseto e Follonica: 17 luglio/17 ottobre
Sorano e Castel del Piano: 18 luglio/17 ottobre

ORARI DI APERTURA
Martedì-domenica con i seguenti orari:

Castel del Piano
Raccolta d'Arte di Palazzo Nericci, piazza Colonna 1
orari: 10.30-13; 16-19.30
(dal 10 al 22 agosto apertura serale 21.00-23.00)

Follonica
Pinacoteca Civica Amedeo Modiglioni, piazza del Popolo 1
orari: 17.30-23.30

Grosseto
Museo Archeologico e d’Arte della Maremma, piazza Baccarini 3
orari: 10-13; 17-20

Sorano
Fortezza Orsini
orari: 10-13; 15-19

SERVIZIO VISITE GUIDATE GRATUITE
Su prenotazione ai seguenti numeri di telefono:
Castel del Piano 0564.969602
Follonica 0566.42412
Sorano 0564.633424
Grosseto 0564. 488750 e 0564.488752

COSTO DEL BIGLIETTO
Castel del Piano: € 4
Follonica: € 4
Grosseto: € 5
Sorano: €. 4

Ingresso ridotto alla mostra per i possessori della MuseiCard dei Musei di Maremma e della “Voglio-vivere-così-card” della Regione Toscana

DIBATTITO SULL'ARTE CONTEMPORANEA
“Joan Mirò. La creatività dell’artista e la profondità dell’uomo.” Incontro dedicato alla mostra a cura di Maurizio Vanni
4 agosto ore 21: Follonica, Pinacoteca Civica Amedeo Modigliani
5 agosto ore 21: Vetulonia, Museo Civico Archeologico “I. Falchi”

Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.museidimaremma.it
Leggi tutto

domenica 4 luglio 2010

Festival di Musica da Camera della Versilia - Pieve a Elici


Pieve a Elici - Festival di Musica da Camera della Versilia sarà inaugurato domenica 4 luglio dal Quartetto di archi della Scala all'interno della chiesa romanica di San Pantaleone, a Pieve a Elici

Come segnalato dal presidente dell'Associazione Musicale Lucchese, Marcello Parducci, alla 43° edizione del Festival di Musica da Camera della Versilia parteciperanno alcuni tra i più grandi musicisti del panorama internazionale tra cui "due dei tre violinisti italiani che hanno vinto il prestigioso Premio Paganini; si tratta di Massimo Quarta e Giovanni Angeleri che insieme a Salvatore Accardo sono gli unici musicisti italiani che hanno ottenuto questo riconoscimento".

Programma Festival di Musica da Camera della Versilia

Domenica 4 Luglio
Quartetto della Scala
Francesco Manara e Pierangelo Negri (violino), Simonide Braconi (viola) e Massimo Polidori (violoncello)

Venerdì 9 Luglio
Massimo Quarta (violino) e Pietro De Maria (pianoforte)

Domenica 18 luglio
Jinsang Lee (pianoforte)

Domenica 25 luglio
Alessandro Carbonare (clarinetto) e il Quartetto di Cremona

Domenica 1 agosto
Andrea Lucchesini (pianoforte)

Mercoledì 4 agosto
Giovanni Angeleri (violino), Paolo Faggi (corno) e Simone Soldati (pianoforte)

Domenica 8 agosto
Giuseppe Albanese (pianoforte)

Mercoledì 11 agosto
Alain Menieur (violoncello) e Bruno Canino (pianoforte)

Domenica 15 agosto
Marco Rizzi (violino) e Edoardo Strabbioli (pianoforte)

Domenica 22 agosto
Quartetto Klimt (archi e pianoforte)

Domenica 29 agosto
Soning Tchakerian (violino) e Roberto Prosseda (pianoforte)

Costo del biglietto: intero 12 euro, ridotto 9 euro, 6 euro per i soci dell'AML

Per maggiori informazioni potete contattare il Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino allo 0584 979229 o Ufficio Cultura allo 0584 979216 / 979282 oppure l'Associazione Musicale Lucchese telefonando allo 0583 469960 o visitare il sito www.associazionemusicalelucchese.it.
Leggi tutto

Piero Gilardi – Steve McCurry. Time after Time: Lucca Mostra


Lucca - Mostra Piero Gilardi – Steve McCurry. Time after Time al Lucca Center of Contemporary Art dal 10 Luglio al 5 Settembre.
In mostra 25 opere dell'artista italiano Piero Gilardi e 20 fotografie del fotografo e fotoreporter statunitense Steve McCurry in un excursus che si configura quale viaggio attraverso due diverse riflessioni sul tempo.

Presupposto della mostra Time After Time è che ogni individuo possa avere un rapporto oggettivo e soggettivo con il tempo. Nelle loro fotografie Piero Gilardi e Steve McCurry riflettono sul concetto del tempo che passa e che si dissolve, ma al tempo stesso, bloccando o ri-creando frammenti di vita, manifestano dimensioni di un tempo senza tempo. L'artista italiano ed il fotoreporter statunitense riescono a dare origine ad una lucida e solenne danza del tempo che suggerisce quanto l'agire umano possa essere condizionato dallo scorrere, più o meno controllabile, degli eventi.

Con i suoi Tappeti-natura, Piero Gilardi propone da una parte lo scorrere del tempo cronologico attraverso il passaggio delle stagioni e dei luoghi presi in considerazione; dall’altra un frammento di natura ricreato in vitro, ma con un Dna alterato, che richiama, ricorrendo al concetto di tempo esistenziale, a un ordine universale indispensabile per l’armonia di tutte le cose. I suoi Tappeti-natura corrispondono ad una personale rielaborazione del concetto di Natura che deve confrontarsi con la storia, con il presente in divenire, con lo spazio e con il tempo in progress della vita vera.
“Spero di poter riunire tutti i tappeti che sto realizzando in un luogo largo e piano racchiuso da una cupola opalescente: in quell’ambiente rarefatto l’immagine di ogni tappeto comincerà a dilatarsi e deformarsi secondo un ritmo organico incomprensibile ma accettabile”.

Con i ritratti della Ragazza afgana, realizzati l'uno a distanza di diciassette anni dall'altro, di Kuchi Shepherd e di Shepherdess, Steve McCurry manifesta l’affascinante, imprevedibile e impietoso scorrere del tempo: “Era un momento preciso nel tempo, eppure oltre il tempo (…). Mi sono reso conto che si trattava della stessa ragazza. I suoi occhi avevano la stessa intensità (…). La pelle mostrava i segni del tempo, c’erano delle rughe, ma il suo aspetto era straordinario come 17 anni prima”. Immagini proposte insieme a scatti quasi meta-reali come “Taj Mahal Reflection”, “Camels in Oil Fire” e “Landscape with Horse” dove, invece, si rivelano i concetti di tempo primordiale, memoriale e ideale. La memoria di ogni luogo sembra essere violata dalla volontà di perpetuarne la sua storia attraverso la fantasia di chi lo percepisce e lo vive.

Steve McCurry

Nato a Philadelphia nel 1950, Steve McCurry studia cinema e storia alla Pennsylvania State University. Inizialmente pensa di dedicarsi alla realizzazione di documentari, ma comincia ben presto a collaborare come fotografo con un giornale locale. Dopo tre anni decide di recarsi in India dove rimane per due anni e compone il suo primo vero portfolio con immagini di questo viaggio. In seguito alla pubblicazione del suo primo lavoro importante sull'Afghanistan, collabora con alcune delle riviste più prestigiose: Time, Life, Newsweek, Geo e il National Geographic.

Inviato su mille fronti di guerra, Steve McCurry si è sempre spinto in prima linea rischiando la vita pur di testimoniare gli effetti e le conseguenze dei conflitti in tutto il mondo. Membro dell'agenzia Magnum dal 1985, vincitore di molti premi fotogiornalistici (tra cui due World Press Photo Awards), autore del celeberrimo reportage sulla ragazza divenuta icona del conflitto afghano sulle pagine del National Geographic nel mondo, Steve McCurry è uno dei maestri contemporanei del fotogiornalismo. Ogni suo ritratto racchiude un complesso universo di esperienze, storie, emozioni, dolori, paure, speranze.
“Ho imparato a essere paziente. Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te”, spiega McCurry. Steve McCurry ha fatto del viaggiare una sua dimensione di vita: “Perché già il solo viaggiare e approfondire la conoscenza di culture diverse, mi procura gioia e mi dà una carica inesauribile”.

Piero Gilardi

Piero Gilardi nasce a Torino nel 1942. Nel 1963, realizza la sua prima mostra personale “Macchine per il futuro”. Due anni più tardi realizza le prime opere in poliuretano espanso ed espone a Parigi, Bruxelles, Colonia, Amburgo, Amsterdam e New York.

A partire dal 1968 interrompe la produzione di opere per partecipare all'elaborazione tecnica delle nuove tendenze artistiche della fine degli anni '60: Arte Povera, Land Art, Antiform Art. Collabora alla realizzazione delle due prime rassegne internazionali delle nuove tendenze allo Stedelijk Museum di Amsterdam e alla Kunsthalle di Berna. Nel 1981 riprende l'attività nel mondo artistico, esponendo in gallerie delle installazioni accompagnate da workshops creativi con il pubblico.

A partire dal 1985 inizia una ricerca artistica con le nuove tecnologie attraverso l'elaborazione del Progetto “IXIANA” che, presentato al Parc de la Villette di Parigi, prefigura un parco tecnologico nel quale il grande pubblico poteva sperimentare in senso artistico le tecnologie digitali. Nel corso degli ultimi anni ha sviluppato una serie di installazioni interattive multimediali con una intensa attività internazionale. Insieme a Claude Faure e Piotr Kowalski, ha costituito l'associazione internazionale “Ars Technica”. Ha pubblicato due libri di riflessione teorica sulle sue varie ricerche: Dall'arte alla vita, dalla vita all’arte (La Salamandra, Milano 1981) e Not for Sale (Mazzotta, Milano 2000 e Les Presses du réel, Dijon 2003).

Attualmente sta promuovendo il progetto di un grande “Parco d’Arte Vivente” nel quale si compendiano tutte le sue esperienze relative al mutamento della natura dell’arte in senso relazionale.

Informazioni Mostra Time after Time: Piero Gilardi – Steve McCurry

Inaugurazione su invito 9 luglio 2010 ore 21
Apertura al pubblico da sabato 10 luglio 2010

Orario mostra: martedì-sabato ore 10 - 19; domenica 11 - 20

Costo del biglietto: intero 7 euro; ridotto 5 euro

Dove: Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art, via della Fratta, 36

Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.luccamuseum.com o contattare lo 0583 571712
Leggi tutto

Festival Internazionale Teatro Romano Volterra


Volterra Teatro Romano - Festival Internazionale Teatro Romano Volterra si è inaugurato l'1 luglio
La rassegna estiva volterrana di teatro, musica, danza, incontri, poesia e arte andrà in scena al Teatro di Volterra sino al 18 luglio.


Programma Luglio - Festival Internazionale Teatro Romano Volterra



Domenica 4 Luglio - Teatro Romano Volterra
Teatro della Raffa, *CASA..DEI*
Il racconto dal Chaos alla Guerra di Troia di Marco Zannoni regia e musiche originali di Stefano Marcucci con Luca Biagini e Marco Zannoni

Lunedì 5 Luglio - Terrazza del teatro romano di Volterra
Legimus et Loquimur, "Volterra nelle epigrafi dagli etruschi al medioevo", presentazione del video vincitore primo premio nazionale Policutura "1001 e una storia" indetto dal Politecnico di Milano in collaborazione con MIUR parteciperanno i ragazzi della 1 Liceo Classico IIS Carducci di Volterra
prof. Nara Pistolesi, prof. Luigi Fantacci dir.scolastico. arch. Aldo Ribattezzato
INGRESSO LIBERO

Martedì 6 Luglio - Terrazza del teatro romano di Volterra
Legimus et Loquimur, “Memorie di una cagna” di Francesca Petrizzo edito da Frassinelli
INGRESSO LIBERO

Mercoledì 7 Luglio - Teatro Romano Volterra
MISTRAL *LE BACCANTI* di Euripide
libera elaborazione scenica
Coreografia Deanna Losi
Drammaturgia Roberto Guicciardini
Elementi video Andrea Montagnani
Luci Lucilla Baroni
Su musiche di Bartok, Biber, Piazzolla, Shumann, Fauré, Shostakovich, Tetraktis.

Giovedì 8 Luglio - Teatro Romano Volterra
Nuova compagnia di prosa di Trieste
Festival Internazionale teatro romano
Compagnia l'Avventuracolorata:
Cattivi, cattivissimi e Bastardi nel teatro di Shakespeare, di Luigi Lunari
con Simone Migliorini, Francesca Signorini
musiche originali eseguite dal vivo di David Dainelli
regia Simone Migliorini

Venerdì 9 Luglio - Teatro Romano Volterra
MDA PRODUZIONI, LE ERINNI giungeranno da Eschilo e Sofocle
drammaturgia A. Gatti -- S. Tringali
messinscena e coreografia Aurelio Gatti con Sebastiano Tringali
PRIMA NAZIONALE

Sabato 10 Luglio - Salone da ballo di Palazzo Viti ore 16.30
"Cerimonia premiazione Ombra della Sera"
Franca Valeri premio "Tommaso-Fedra-Inghirami" Ombra della Sera alla carriera
Pino Strabioli premio "Giulio Piccini “Jarro”" Ombra della Sera al giornalismo e critica teatrale
Ugo Chiti premio "Giovan Cosimo Villifranchi" Ombra della Sera alla drammaturgia e sceneggiatura
Leo Gullotta, Massimo Monaci premio "In Scena" Ombra della Sera al miglior spettacolo dell'anno “Il piacere dell'Onestà”
Ubaldo Pantani premio "Franco Porretti" Ombra della Sera al volterrano che si è distinto nelle arti, scienze e professioni

Domenica 11 Luglio - Teatro Romano Volterra
L'ALTRO ANFITRIONE da Tito Maccio Plauto
Traduzione e adattamento di Rino marino
Personaggi e interpreti
Mercurio:Rino Marino
Sosia:Paolo Graziosi
Giove:Toni Fornari
Alcmena:Elisabetta Arosio
Anfitrione:Vincenzo Ferrera

Scene:Sergio Tramonti
Costumi:Elena Del Guerra
Musiche:Ajmone Mantero
luci:Andrea Narese
Organizzazione generale:Viviana Di Bella
montaggio audio: Ottonotemusic.com

Regia
Paolo Graziosi Elisabetta Arosio
Si ringrazia Paola Carola
riduzione e traduzione di Rino Marino
PRIMA NAZIONALE

Lunedì 12 Luglio - Teatro romano Volterra
Legimus et Loquimur, "Volterra Romana", presentazione del volume di Alessandro Furiesi Pacini Editore
INGRESSO LIBERO

Martedì 13 Luglio - Teatro romano Volterra
Alcesti mon amour
Da Euripide
PRIMA NAZIONALE

Mercoledì 14 Luglio - Terrazza del Teatro romano Volterra
Legimus et Loquimur, "La famiglia Cecina dalla prima Repubblica al tardo Impero"
incontro con il prof Renato Bacci
INGRESSO LIBERO

Giovedì 15 Luglio - Teatro romano Volterra
IL SOGNO DI IPAZIA di Massimo Vincenzi con Francesca Bianco
voce fuori campo di Stefano Molinari
musiche di Francesco Verdinelli
regia Carlo Emilio Lerici

Venerdì 16 Luglio - Foyer del teatro Persio Flacco ore 16.30
Convegno su D’Annunzio 100 anni del Forse che si Forse che no
Anna Maria Andreoli, Paolo Ferrini, Alessia Dei, Daniele Luti
Patrocinio Vittoriale degli italiani
Durante il convegno Lo Schifamondo, recital a cura e con Fabrizio Parrini

Sabato 17 Luglio - Teatro romano Volterra
Cattivi, cattivissimi e Bastardi nel teatro di Shakespeare di Luigi Lunari
REPLICA

Domenica 18 Luglio - Piazza dei Priori
POETI TRA LE TORRI DI VOLTERRA da Dante a D'Annunzio un'idea di Simone Migliorini a cura di Alma Daddario con Simone Migliorini, Francesca Signorini e Domenico Belcari
musiche: David Dainelli
JUBILATION GOSPEL CHOIR
diretto da Luca Del Tongo


Costo del biglietto: intero 10 euro, ridotto 8 euro (soci Touring Club, Unione Nazionale Pro Loco Italia, Under 18, Over 65, Residenti)

Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.teatroromanovolterra.it
Leggi tutto

Orestea Eschilo - Cimitero Germanico - Passo della Futa


Cimitero militare germanico del Passo della Futa (provincia di Firenze) - Dal 31 luglio al 15 agosto va in scena l'Orestea di Eschilo, una trilogia comprendente le tragedie Agamennone, Coefore, Eumenidi, che valse al drammaturgo greco la vittoria delle Grandi Dionisie nel 458 a.C.

Orestea di Eschilo

Eschilo nell'Orestea, l'unica trilogia conservata per intero sino ai giorni nostri, si sofferma sui valori della vendetta e della giustizia che basata sulle leggi è amministrata da un tribunale, allontanando da sè il potere del sangue; l'Orestea è un testo antico che ben si addice ad essere rappresentato nell'Italia contemporanea in cui possano rivivere legalità e democrazia quali valori fondanti della Costituzione.

"Per lo stesso motivo per cui Eschilo decise di scrivere questa trilogia tragica 2500 anni fa, Archivio Zeta decide di rimetterla in scena, per farne un atto Politico, nell'accezione greca del termine, cioè un atto della Polis in cui, attraverso il mito si narra il passaggio da una società di vendetta ad una società fondata sulla giustizia degli uomini. Il Pilade di Pasolini, come tappa finale, starà ad indicare in che modo tale giustizia è stata declinata, secondo il grande poeta, nell'Italia del dopoguerra e del boom economico: descrivendo, sempre attraverso il mito, il passaggio da un’Atene ideale ad una Atene in preda a nuovi problemi democratici e a nuove Rivoluzioni."


Progetto Linea Gotica

Il progetto Orestea/Eschilo e Pasolini si inserisce nel Progetto teatrale, cinematografico e culturale Linea Gotica che, nato nel 2003, mette in relazione alcuni luoghi di rilevanza storica con archetipi fondanti della poesia tragica.

"Eschilo, Sofocle e Omero sono stati i poeti dell'antichità ai quali ci siamo rivolti, la loro poesia epica ha una forza che l'attualità non fa altro che amplificare e ha dato al nostro teatro la possibilità di concentrarsi su parole ferite mettendole in relazione a grandi scrittori/poeti contemporanei quali Cesare Pavese e Pier Paolo Pasolini senza che si sentisse alcun attrito spazio/temporale"


Informazioni Orestea Eschilo - Cimitero germanico

Le prenotazioni per gli spettacoli sono attive da giovedì 1 luglio.
E-mail: info@archiviozeta.eu - Telefono: 334 9553640
Costo del biglietto: intero 20 euro, ridotto 10 euro
Inizio spettacoli: ore 18
Leggi tutto
 

About

Site Info

Text

Dolce Toscana: la vita è bella under the tuscan sun Copyright © 2009 Community is Designed by Bie Blogger Template